| Home | Il Palazzo Campana | Le Sale | La Biblioteca | Il Teatrino | Le Grotte | Eventi Campana | Link | Dove siamo |

 info@istitutocampana.it

 

     
Sala Vici
Sala Quattro Colonne
Cortile con Fontana
Sala 1
   
Aula Magna
Sala dell'Arco
Cappella Privata
Biblioteca
Museo Archeologico
   
Teatrino
Museo Civico
   
 

L’attuale Biblioteca storica dell’Istituto Campana, ricca di oltre 15 mila volumi, corrisponde alla metà dell’antica Biblioteca del Seminario e Collegio rimasta in sede a seguito della separazione dei beni del Seminario e del Collegio avvenuta alla fine del XIX secolo.
Qui, collocati su scaffalature settecentesche, sono conservati soprattutto libri riguardanti materie umanistiche, e quindi di carattere storico, letterario, filosofico, giuridico, le cui schede bibliografiche sono inserite nel catalogo della Biblioteca Comunale.
L’intero patrimonio può essere così suddiviso:
 

- Manoscritti, tra cui 74 codici, alcuni dei quali esemplari unici o molto rari, come il Messale quattrocentesco miniato su pergamena, appartenuto ai Frati di S. Maria del Monte Carmelo e donato con altri dal carmelitano P. Agostino Molin, e il Nomokanonon, diritto canonico del patriarca Fozio, del XIV secolo;
- 23 incunabuli, tra cui il Supplementum Summae Pisanellae di Niccolò da Osimo;
- Oltre 700 cinquecentine stampate dai maggiori tipografi del tempo (Manuzio, Griffi, Giunti, Valgrisi), tra le quali varie edizioni della Bibbia;
- Tra le opere più moderne (sec. XVII-XIX), pregevoli sono gli Atlanti geografici di Gerardo Mercatore (1613) e di Giovanni Blaeu (1645-1654), l’Encyclopédie di Diderot e D’Alembert (1770-1779), l’Acta Sanctorum dei Bollandisti, l’Italia Sacra di Ferdinando Ughelli (1717-1722), il Vocabolario degli Accademici della Crusca (1746-1748), il Corpus Byzantinae historiae (1729-1733), Rerum Italicarum Scriptores di L. A. Muratori (1723-1751).
- Non mancano tuttavia opere di carattere scientifico, in particolare di medicina (Galeno), anatomia, botanica (P. A. Mattioli, Commento a Dioscoride, 1569), fisica, e opere attinenti all’archeologia e all’arte (Le antichità di Ercolano e di Pozzuoli, 1759-1768; Roma sotterranea, 1651; Monumenti antichi inediti di Winckelmann, 1821.

Luciano Egidi

 

Testi: Luciano Egidi - Narratore: Luigi Sfredda - Riprese e montaggio: Paolo Muti
Coordinamento: Francesco Moroncini, Pasquale Romagnoli
Produzione: Istituto Campana per l'Istruzione permanente

 
   
 

Nell'ala occidentale del settecentesco Palazzo Campana, opera progettata dall'architetto Andrea Vici di Arcevia, trovano degna collocazione la Biblioteca "F. Cini" e l'Archivio Storico del Comune di Osimo. L'istituto bibliotecario fu aperto solennemente al pubblico nel 1675 dopo che l'osimano Mons. Francesco Cini, Vescovo di Macerata e Tolentino, aveva lasciato, con disposizione testamentaria, la sua libreria, ricca di circa 3000 volumi, alla Congregazione dell'Oratorio di San Filippo Neri affinché venisse custodita per pubblica utilità.

In seguito la nuova Istituzione, che ebbe sede nello stesso Palazzo Cini di Piazzanuova, venne arricchita soprattutto grazie ad altre benemerite donazioni di famiglie osimane, ma anche con l'incameramento di fondi conventuali a seguito delle soppressioni degli ordini religiosi. Quando il Comune nel secolo scorso si assunse l'onere del suo mantenimento, la Biblioteca venne affidata ad un custode e cominciò ad essere dotata di nuovi libri; impegno divenuto sempre più continuo e sostanzioso. Oggi la Biblioteca, che prima di trasferirsi nella sede attuale ha subito altri due spostamenti, può vantare un patrimonio librario di circa 90 mila volumi, compresi 23 incunaboli e oltre 800 cinquecentine. In essa sono custoditi anche 45 cartelle e 162 volumi manoscritti dal XV al XX secolo, e due globi celeste-terrestre, rispettivamente del 1695 e del 1744. Accanto alla sezione antica, si è andata costituendo ed è in continuo incremento la sezione delle pubblicazioni contemporanee, suddivise per materia in modo da facilitarne la ricerca, appartenenti a pregevoli collezioni e collane. Ricca e di rilevante interesse è la sezione dei volumi ed opuscoli sulla storia locale e marchigiana. Da qualche anno ha preso timidamente corpo una sezione riguardante la letteratura e testi di consultazione per ragazzi.

I SERVIZI OFFERTI DALLA BIBLIOTECA COMUNALE
Entrando in Biblioteca innanzitutto si trova la sala dei cataloghi. Qui, oltre al personale addetto, sono a disposizione del lettore principalmente due strumenti di consultazione: - il catalogo per Autori; - il catalogo per Soggetti o per argomenti.

Esistono poi altri cataloghi più specifici: - quello dei periodici; - quello tipografico osimano; - quello degli incunaboli e delle cinquecentine; - quello dei manoscritti.

La consultazione dei libri nelle sale di lettura è gratuita per tutti. E' ugualmente gratuito il prestito a domicilio, ma con alcuni limiti imposti da un apposito regolamento circa gli aventi diritto ed i libri concessi in prestito. Le opere non possedute dalla Biblioteca possono essere richieste ad altre biblioteche italiane con il solo rimborso delle spese di spedizione. La ricerca delle informazioni bibliografiche può essere effettuata anche grazie a un moderno sistema informatizzato che si serve del collegamento telematico con il Servizio Bibliotecario Nazionale (S.B.N.). Per i libri esclusi dal prestito è in funzione un servizio di fotocopie. Il personale è a disposizione sei giorni la settimana, oltre che per le informazioni bibliografiche e le operazioni di prestito, anche per visite guidate alle scolaresche, previa prenotazione, sia in Biblioteca che in Archivio.

Biblioteca Comunale "Francesco Cini"
Via Campana, 15 - OSIMO  - Tel. e Fax (071) 714621

 

 
 

Presso il Palazzo Campana, nei locali sottostanti la Biblioteca, è collocato l'Archivio Storico Comunale, raccolta ordinata dei documenti prodotti dall'Amministrazione civica durante lo svolgimento della sua attività. Il materiale conservato è prevalentemente cartaceo, ma vi è anche una ricca e pregevole collezione di pergamene contenenti privilegi, bolle e brevi papali, atti notarili e consiliari, conservate in undici cartelle secondo un ordinamento cronologico effettuato verso la fine del secolo scorso. Membranacei sono anche il codice degli Statuti cittadini del XIV secolo e i tre codici del Catasto osimano dello stesso secolo. Vi sono poi le seguenti serie: - Riformanze e Deliberazioni consiliari dal 1357 al 1955; - Registri o Libri delle lettere dal 1360 al 1807; - Istromenti dal 1545 al 1806; - Trasatti o Atti d'asta dei proventi comunali dal 1489 al 1803; - Camerlengato o amministrazione finanziaria del Comune dal 1360 al 1808; - Annona dal 1596 al 1800; - Monte di Pietà dal 1470 al 1835; - Monte Frumentario dal 1575 al 1802; - Atti Giudiziari dal 1360 al 1807; - Suppliche dal 1407 al 1808; - Carteggio dal 1410 al 1808; - Titolario dal 1808 al 1955. Presso l'Archivio Comunale sono altresì depositati vari archivi aggregati. Il più ricco e interessante, recentemente acquistato dall'Amministrazione comunale, è quello della nobile e antica famiglia Guarnieri, formato da 150 cartelle contenenti documenti dal XV al XIX secolo. Vi sono poi l'Archivio dell'Ospedale SS. Benvenuto e Rocco, l'Archivio del Brefotrofio consorziale, l'Archivio della Società Teatrale, l'Archivio della Società di Mutuo Soccorso tra Operai Osimani, l'Archivio della Confraternita della Morte. Tutti questi fondi archivistici possono essere consultati da chiunque dimostri seri interessi di studio, per pubblicazioni, tesi di laurea ecc.

I SERVIZI OFFERTI DALL'ARCHIVIO STORICO COMUNALE
Gli studiosi che intendono effettuare ricerche serie, soprattutto su argomenti attinenti alla storia locale hanno la possibilità di chiedere informazioni e consulenza al personale addetto. Essi hanno a disposizione inoltre vari strumenti di ricerca, quali il Repertorio, munito di indici analitici, dell'Archivio Comunale compilato dal Can. Aurelio Zonghi nel 1880-81, e aggiornato con l'aggiunta del materiale trasferito successivamente nella sezione.

Lo studioso è ammesso alla consultazione solo dopo aver compilato un'apposita domanda da inoltrare alla Soprintendenza Archivistica. Qualsiasi tipo di materiale conservato nell'Archivio Storico può essere consultato soltanto in sede. Per esso, eccetto i documenti in cattivo stato di conservazione, è in funzione un servizio di fotocopie.


 

Archivio Storico Comunale
Via Pompeiana, 2 - OSIMO -  Tel. e Fax (071) 714621